CENTRO AUTISMO A MILANO, PER NON LASCIARE MAI SOLE LE FAMIGLIE

centro-autismo-milanoCascina bianca è una cooperativa sociale onlus, centro per l’autismo a Milano, che si occupa dell’amministrazione di tre centri per bambini affetti da autismo, i Centri Bolle Blu, e di un centro per disabili che gestisce un servizio diurno per adulti autistici o con disabilità psico-fisica.
Da sempre il nostro personale attento e qualificato offre le proprie competenze, l’esperienza e la professionalità per metterla al servizio di chi ne ha più bisogno.

CENTRO DIURNO PER DISABILI- SPAZIO AUTISMO

Spazio Autismo è un centro che accoglie persone tra i 16 ed i 65 anni di età a cui sia stata riconosciuta una diagnosi di autismo o altre importanti disabilità. Attraverso i nostri esperti verrà sviluppato un programma educativo personalizzato definito e condiviso con la famiglia. Alcune delle attività garantite presso la nostra struttura riguardano, ad esempio, l’aumento e il consolidamento delle capacità e delle competenze relazionali ma anche attività di mantenimento delle autonomie e delle capacità individuali acquisite, le attività cognitive, espressive, motorie e il ricorso della musicoterapia. La struttura è a Milano in Piazza Giosia Monti 7/9.

CENTRO BOLLE BLU PER BAMBINI E RAGAZZI AFFETTI DA AUTISMO

Il centro ospita bambini e ragazzi minori, dai 3 ai 16 anni, con diagnosi di autismo. Nelle strutture Bolle Blu lavorano gruppi multidisciplinari con preparazione professionale ed esperienza specializzata nell’ambito dell’autismo. Il nostro personale è composto da psicologi, educatori e terapisti ABA (Applied Behavior Analysis) .
I programmi svolti all’interno dei centri bolle blu si basano sulle linee guida fornite dall’Istituto Superiore di sanità, implementati al fine di garantire lo sviluppo delle capacità compromesse dei giovani utenti per consentire loro la conduzione di una vita autonoma e socialmente partecipata.
Sono previste inoltre una serie di attività da svolgere in assenza del bambino, le cosiddette attività indirette, che coinvolgono principalmente la famiglia, la scuola, la neuropsichiatra ed i servizi che hanno in carico il minore, in particolare con la pianificazione di colloqui ma anche attraverso programmi di “parent training”, consulenza e formazione.