Centri estivi Camp Bolleblu, estate outdoot
14 giugno 2021

I NOSTRI CENTRI ESTIVI: BOLLEBLU CAMP, ESTATE OUTDOOR

Nel periodo estivo la nostra Cooperativa organizza presso le sedi Bolle Blu i centri estivi per i bambini e ragazzi che frequentano Cascina Bianca.

Quest’anno abbiamo seguito le indicazioni delle linee pedagogiche che il Ministero degli interni ha chiesto a tutti gli enti che si occupano di istruzione ed educazione in questo periodo pandemico, ovvero fare educazione ed apprendere attraverso e per tramite della natura, così da vivere tali esperienze formative all’aperto riducendo la diffusione e il possibile contagio del virus.

Che cos’è l’outdoor education e da dove nasce

Uno dei primi studiosi che hanno avvalorato e perseguito l’outdoor education fu John Dewey, pedagogista e filosofo statunitense. Il concetto di base di Dewey era quello di avvalorare l’educazione all’aperto come esperienza concepita dal rapporto tra l’uomo e l’ambiente, dove l’uomo non è uno spettatore passivo, ma interagisce con ciò che lo circonda. Il pensiero dell’individuo nasce dall’esperienza intesa come esperienza sociale.

Con il termine outdoor education si intende in modo letterale l’educazione all’aperto tramite attività educative.

I centri estivi di Cascina Bianca

Da tutto ciò nasce la nostra sfida, ovvero quella di coniugare un setting naturalistico e all’aperto con apprendimenti più strutturati, attraverso l’utilizzo di materiale “povero”.

La nostra Cooperativa si ispira come riferimento metodologico teorico al modello bio psico sociale, dove il focus è sulle differenze, non sui deficit e dove l’autismo è dato da una serie di differenze che portano gli individui a percepire e ad elaborare il mondo e gli stimoli in maniera diversa.

Da questa base teorica si sviluppano gli interventi psico educativi personalizzati basati sulle evidenze scientifiche dei trattamenti e delle metodologie che sono state approvate, tramite Le Linee Guida, dal Ministero della Salute.

IL CAMP BOLLEBLU: ESTATE OUTDOOR tiene conto di tutte le premesse sopracitate e propone l’inserimento dei trattamenti psico educativi in un contesto naturale e gruppale.

Gli studi ci dicono come sia importante lavorare su tutte le aree di sviluppo del bambino autistico in modo integrato; ciò diventa ancora più motivante e stimolante all’interno di un contesto outdoor, dove la parte esperienziale si avvicina maggiormente alla realtà quotidiana dei bambini, che non è solo fatta da trattamenti in stanze asettiche e strutturate.

Buona estate a tutti!!!